Passa ai contenuti principali

Schema Zeta - "Eredità"


A cura di Andrea Galuzzi
Siccome in questo periodo imperversa una violenta faida tra me ed il mio computer, questa è la terza volta che scrivo la recensione, su una band siciliana che, come molte altre del panorama underground con cui sono venuto a contatto, ha visto nel thrash metal la propria via; ma diversamente da tutte le altre band con cui condividono il genere, gli Schema Zeta hanno due particolarità che ne contraddistinguono fortemente lo stile, rendendolo certamente inusuale.

I nostri amici Schema Zeta, dal punto di vista musicale, sono stati indubbiamente influenzati dai "Giganti del thrash", quindi Metallica, Megadeth, Slayer ecc. Di conseguenza, chitarre mostruosamente distorte con ritmiche violente, rapide e di grande impatto sonoro, basso veloce, lineare e potente, batteria arrembante e sgraziata. A queste caratteristiche di base mi sento di aggiungere che la mia capacità d'ascolto percepisce anche delle influenze dei Sepultura, soprattutto nell'ipnotismo ritmico che riesco a rilevare. A questa struttura completamente immersa nel più puro thrash si aggiungono influssi nu-metal, soprattutto dei più duri Alterbridge, che ne snelliscono la gravità sonora.

Arriviamo a ciò che determina maggiormente la particolarità degli Schema Zeta: la componente vocale. In primo luogo la scelta della nostra lingua italiana, che già in generale è molto poco usata e ancor meno in questo genere (non mi era mai capitato di sentire delle band thrash cantare in italiano), il che è molto raro e sempre più in via di estinzione (purtroppo); dal momento, oltrettutto, che questa stessa band dimostra che il binomio funziona parecchio bene.

Volevo solo aggiungere che, per quanto mi riguarda, la scelta della lingua è, e deve essere, completamente a discrezione dei diretti interessati, quindi non è per forza una componente sempre positiva cantare in una determinata lingua piuttosto che in un'altra; ognuno deve trovare la sua via. Nel caso degli Schema Zeta penso che la scelta sia stata azzeccatissima.
In secondo luogo lo stile canoro è assolutamente unico per una band thrash: infatti è, a livello di genere, molto più vicino alle voci del melodic/power metal, dolce e meno sgraziato, senza però perdere la grinta intrinseca del genere. In particolare, appare simile alla voce che echeggia sulle atmosfere medievali dei nostri grandi e nostrani Rhapsody of Fire.

L’EP di questi ragazzi, chiamato “Eredità”, ne rappresenta molto bene le caratteristiche e le idee musicali, infatti nelle sole tre canzoni che esso ci propone (“Eredità”, “Catene” e “In Questa Gabbia”) si avverte nitidamente lo spirito degli Schema Zeta. Come è ovvio che sia i margini di miglioramento sono ancora notevoli, quindi mi aspetto in tempi brevi un album completo per poter dare un giudizio definitivo su questi musicisti; per quanto mi riguarda le premesse sono ottime e non posso far altro, per aiutarli, che augurar loro tanta fortuna (che serve sempre) e consigliare agli amanti del metal che leggeranno questo articolo di ascoltare gli Schema Zeta e di dar loro una possibilità... Anche qualora non apprezzassero il thrash.





Tutte le bands di Palermo e dintorni interessate a ricevere recensioni e farsi promozione sul nostro music blog possono scriverci ed inviare il materiale necessario (link audio,video,bio,foto,press kit,links utili) all'indirizzo antipop.project@gmail.com ed essere così inserite su Palermo Rock!!!


Commenti

Post popolari in questo blog

Perfect Crime Band: energici, potenti e precisi!

Palermo Rock: questa settimana  ad uccidere la nostra monotonia, ci pensa una band palermitana di tutto rispettto. E' la volta dei Perfect Crime - by M.Bellotto
Palermo - I Perfect Crime sono una band tutta d'un pezzo, energici, diretti con suoni potenti e precisi. Le atmosfere sono quelle tipiche del rock più puro con una chiara vocazione  di origine statunitense nel loro passaporto; songs intrise di belle melodie e arrangiamenti sicuri sono le prime caratteristiche notabili dei kids siciliani. Fabio Pace, ottimo singer , incastra perfettamente le melodie della band con il tessuto ritmico originale dei brani : i loro pezzi  sono classici ma piacevoli, orecchiabili ma mai scontati. "Desire of Justice" è una traccia cha va ascoltata  assolutamente col finestrino abbassato e a tutto volume; è un atmosfera da spensierati e  magari  quel giorno si è in viaggio verso l'ovunque ....si si mi sembra proprio una colonna sonora adattissima ad una partenza! .... Le tracks su…

Palermo Rock: l' estrema sincerità dei Tamuna

Questa settimana una nuova band dalla Sicilia nella nostra redazione di Palermo Rock: è la volta dei Tamuna
Tamuna : ovvero portatori di pace, secondo la lingua georgiana. I cinque musicisti che compongono la band (Marco Raccuglia, Giovanni Parrinello, Charlie Di Vita, Manlio Messina e Ciccio Baldizzi) hannoscelto questo nome in quanto espressione di un concetto più che mai attuale: pace come bisogno di far parte di qualcosa, di vincere insieme, di difendere i colori e i sapori della loro amata madre terra, la Sicilia.La band ama identificarsi come unione di intenti e collaborazione tramite cui trovare la forza per creare costantemente nuova musica.
Con un mix di dialetto siciliano, lingua italiana e inglese, i Tamuna si fanno manifestazione variegata di generi musicali, grazie all'influenza che pop,reggae, blues,e folk esercitano sui loro lavori. Il primo disco, uscito da poco, "Sicily World Music", ed in particolare il primo singolo da esso estratto, "Ciuscia&qu…

L' indie-pop dei The Shapes , band palermitana in recensione

The Shapes, band palermitana formatasi nel 2011, possono essere considerati la perfetta espressione della corrente indie-pop che negli ultimi anni ha contagiato un numero considerevole di band provenienti dal Regno Unito e non solo:chitarre acustiche diffuse, ritornelli orecchiabili e linee vocali semplici e pulite sono certamente tra gli elementi tipici della produzione musicale dei The Shapes, che al momento contano un solo EP completo intitolato “Tea Time Dreams‘n Coffee Wishes” uscito nel 2011.di Alice Bevilacqua
Il genere musicale scelto ha permesso loro di vedere alcuni brani come 'Hope' trasmessi in radio estere come la 'All.fm' di Manchester e la 'Krystal Radio' di Londra, oltre che assicurare alla band un discreto seguito su social network di diffusione musicale come 'Soundcloud'.L'ultimo videoclip prodotto dalla band, 'Daylight #2' canzone contenuta nel primo EP – è stato inoltre trasmesso sul canale Mediaset Italia 2 durante la p…