Passa ai contenuti principali

“In Viaggio con Alice”, il primo disco dei P.C.P (Piano Che Piove)


Canzoni di tracce, figure, codici, luoghi. Canzoni di permanenze e di integrazioni. Canzoni leggere, d'istinto e di pensiero. Canzoni per celebrare il qui e ora, l'esistenza e la socialità. Canzoni di soprattutto e di sottofondo.


Genere: canzone d'autore/jazz; Label: autoproduzione
Streaming: https://play.spotify.com/album/0N5pdACyoXh3luRfY9dJ7Y?play=true&utm_source=open.spotify.com&utm_medium=open&play=true
iTunes: https://itunes.apple.com/it/album/in-viaggio-con-alice/id935785385


É uscito In Viaggio con Alice, il primo disco dei P.C.P (Piano Che Piove), un album composto da 9 brani in stile canzone d'autore con alcune influenze jazz. Si tratta di un disco acustico, registrato “quasi live”, senza l'ausilio di suoni campionati. La scelta di una produzione di questo tipo rispecchia sia il desiderio di lasciare ai testi e alle sonorità essenziali il compito di trasmettere emozioni, sia quello di evitare di creare atmosfere difficilmente riproducibili dal vivo.
Nelle canzoni c'è molta attenzione ai testi, che, pur trattando diversi argomenti, sono generalmente orientati a cogliere sensazioni, a restituire l'idea di un'emozione, a volte di un'immagine fotografica. Nel lavoro ci sono influenze che rispecchiano la diversa provenienza artistica dei componenti della band ma una linea comune è sicuramente rintracciabile a livello compositivo e fa riferimento ad alcuni tratti tipici di quella canzone d'autore, italiana e americana, che non aspira ai grandi temi del mondo ma fotografa i frammenti della quotidianità urbana sul cui sfondo si snodano le nostre vite. Una della canzoni, ovvero Come Si Fa, ha già avuto una sua storia: è stata infatti incisa dall'artista milanese Amélie in un album che porta il suo nome.
A proposito del singolo scelto invece, Le Ore Contate, il gruppo lo descrive così: “Dietro ogni incontro, anche il più veloce e apparentemente senza significato e senza futuro, c'è il bisogno di confrontarsi, di raccontarsi, di avere un contatto, di sognare qualcosa che ancora non c'è.”




P.C.P. è un progetto di musica indipendente, fatto da musicisti che, più o meno, per cultura o per casino hanno passato una fetta consistente della propria vita suonando per le orecchie degli altri.
Abbiamo fatto le scuole di musica, abbiamo suonato in posti possibili e impossibili, in Italia e fuori, pagati e non pagati. Abbiamo fatto il rock, il country, qualche spolverata di jazz, fra assessori in abito scuro e osti con le patacche. Oggi abbiamo un progetto nostro, un'identità acustica, coltiviamo il gusto della sintesi e delle armonie leggere. Il nostro obiettivo è portare le canzoni ovunque, i nostri destinatari sono tutti quelli che, almeno una volta, si sono emozionati per una musica, un testo, una memoria associata a questo o a quello.
Il disco è in vendita sulle comuni piattaforme di distribuzione digitale e sarà disponibile in occasione dei concerti.


Tracklist
Metà marzo
Il cartografo
In viaggio con Alice
Come si fa
Le ore contate
Autunno
Oceano in bianco e nero
Milano Roma
I treni in settembre


Bio
Piano Che Piove è uno scherzo, un gioco di parole, un invito alla calma, ed è una band composta da Sabrina Botti alla voce, Mauro Lauro e Ruggero Marazzi alle chitarre acustiche e classiche, Massimiliano Ghirardelli al contrabbasso. Il disco è stato registrato con la partecipazione di Giuseppe Mele alla batteria. L'idea che dà origine alla band è quella del laboratorio creativo, uno spazio dove formazioni e sensibilità diverse si armonizzano su idee di canzoni. Testi e musiche sono di Ruggero Marazzi, le sfumature bossa e buona parte delle costruzioni armoniche sono di Mauro Lauro, idee di arrangiamento e strutture ritmiche sono di Massimiliano Ghirardelli, tutte le scelte interpretative sono di Sabrina Botti. Sia la band in questa formazione che i singoli componenti all'interno di altri contesti hanno una lunga esperienza live, consumata prevalentemente nel circuito milanese delle cover band (a parte Mauro Lauro, che per qualche anno si è divertito a suonare latin jazz ad Amsterdam).


Foto
https://db.tt/K9kX8Si5
https://db.tt/fWbZF8ND
https://db.tt/rTX9wuZy
https://db.tt/FBDme8XD


Contatti
pcppianochepiove.bandcamp.com
www.pianochepiove.it


Press Media Office
www.blobagency.com
www.facebook.com/blobagency
Frank Lavorino 339 6038451



Commenti

Post popolari in questo blog

Perfect Crime Band: energici, potenti e precisi!

Palermo Rock: questa settimana  ad uccidere la nostra monotonia, ci pensa una band palermitana di tutto rispettto. E' la volta dei Perfect Crime - by M.Bellotto
Palermo - I Perfect Crime sono una band tutta d'un pezzo, energici, diretti con suoni potenti e precisi. Le atmosfere sono quelle tipiche del rock più puro con una chiara vocazione  di origine statunitense nel loro passaporto; songs intrise di belle melodie e arrangiamenti sicuri sono le prime caratteristiche notabili dei kids siciliani. Fabio Pace, ottimo singer , incastra perfettamente le melodie della band con il tessuto ritmico originale dei brani : i loro pezzi  sono classici ma piacevoli, orecchiabili ma mai scontati. "Desire of Justice" è una traccia cha va ascoltata  assolutamente col finestrino abbassato e a tutto volume; è un atmosfera da spensierati e  magari  quel giorno si è in viaggio verso l'ovunque ....si si mi sembra proprio una colonna sonora adattissima ad una partenza! .... Le tracks su…

Palermo Rock: l' estrema sincerità dei Tamuna

Questa settimana una nuova band dalla Sicilia nella nostra redazione di Palermo Rock: è la volta dei Tamuna
Tamuna : ovvero portatori di pace, secondo la lingua georgiana. I cinque musicisti che compongono la band (Marco Raccuglia, Giovanni Parrinello, Charlie Di Vita, Manlio Messina e Ciccio Baldizzi) hannoscelto questo nome in quanto espressione di un concetto più che mai attuale: pace come bisogno di far parte di qualcosa, di vincere insieme, di difendere i colori e i sapori della loro amata madre terra, la Sicilia.La band ama identificarsi come unione di intenti e collaborazione tramite cui trovare la forza per creare costantemente nuova musica.
Con un mix di dialetto siciliano, lingua italiana e inglese, i Tamuna si fanno manifestazione variegata di generi musicali, grazie all'influenza che pop,reggae, blues,e folk esercitano sui loro lavori. Il primo disco, uscito da poco, "Sicily World Music", ed in particolare il primo singolo da esso estratto, "Ciuscia&qu…

L' indie-pop dei The Shapes , band palermitana in recensione

The Shapes, band palermitana formatasi nel 2011, possono essere considerati la perfetta espressione della corrente indie-pop che negli ultimi anni ha contagiato un numero considerevole di band provenienti dal Regno Unito e non solo:chitarre acustiche diffuse, ritornelli orecchiabili e linee vocali semplici e pulite sono certamente tra gli elementi tipici della produzione musicale dei The Shapes, che al momento contano un solo EP completo intitolato “Tea Time Dreams‘n Coffee Wishes” uscito nel 2011.di Alice Bevilacqua
Il genere musicale scelto ha permesso loro di vedere alcuni brani come 'Hope' trasmessi in radio estere come la 'All.fm' di Manchester e la 'Krystal Radio' di Londra, oltre che assicurare alla band un discreto seguito su social network di diffusione musicale come 'Soundcloud'.L'ultimo videoclip prodotto dalla band, 'Daylight #2' canzone contenuta nel primo EP – è stato inoltre trasmesso sul canale Mediaset Italia 2 durante la p…